Seleziona una pagina

Il 25 novembre 2019 rappresenta una data importante per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne: sono infatti passati quasi 25 anni da quel 17 dicembre 1999, data in cui venne istituzionalizzata questa importante giornata. Uno dei tanti obiettivi di questo importante evento è far capire a tutti che la violenza verso le donne è una violazione dei diritti umani.

La scelta del 25 novembre, come data per la celebrazione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, non è certamente casuale: nel 1960, infatti, in Repubblica Dominicana, vennero uccise tre attiviste.

La Conad di Via Gramsci nel quartiere di Luna e Sole, in attesa della Giornata Internazionale, che sarà il prossimo, organizza per questo sabato, insieme ai volontari di Cittadinanzattiva Sardegna e alle ragazze dell’F.C. Sassari Torres Femminile una mattinata dedicata interamente all’evento. Una delegazione di giocatrici rossoblù distribuirà una brochure informativa sui servizi per le donne vittime di violenza in Sardegna e gli ombrelli “Al riparo dalla violenza”.

La Torres Femminile si dimostra ancora una volta vicina al sociale e a queste iniziative atte a sensibilizzare tematiche molto importanti e attuali, come la salvaguardia dell’ambiente, la buona alimentazione e, appunto, la violenza sulle donne.
L’evento si svolgerà non solo a Sassari, ma in diverse città della Sardegna: Cagliari, Iglesias, CarboniaOristano.

I dati ISTAT, per quanto riguarda il nostro paese, sono impietosi.

Il 31,5% delle donne tra i 16 e i 70 anni ha subìto una qualche forma di violenza fisica o sessuale. Per quanto riguarda le donne straniere, la percentuale rimane la stessa, ma al contrario delle italiane, subiscono violenze fisiche o sessuali da partner o ex partner e meno da altri uomini.

Va detto che però, rispetto al passato, ci sono segnali di  miglioramento. La percentuale sulle molestie sessuali è passata dal 6,5% al 4,3%  e sono diminuite anche quelle relative alla violenza fisica e sessuale.

Oltre alla Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne, il Ministero della Salute ha messo in atto dei sistemi di prevenzione e di aiuto nei confronti delle donne vittime di violenze: i consultori e il Telefono Rosa Antiviolenza e Antistalking. Negli ultimi anni, sono state fatte anche diverse leggi contro la violenza sulle donne: nel 2019, con la legge Codice Rosso, sono stati inseriti i reati di revenge porn, sfregi e nozze forzate e sono state incrementate le pene per violenza sessuale, stalking e maltrattamenti subiti in famiglia.